Quante e quali sono le onde sismiche di un terremoto?

Come ben sappiamo i terremoti provocano e propagano onde sismiche. Ma quante e quali sono queste onde?

Le onde sismiche di un terremoto sono principalmente due:

  • Le Onde P (o Primarie) sono le più veloci (mediamente 7.20 km/s) e dunque sono anche le prime ad essere avvertite sia dai sismografi che dalla popolazione nelle immediate vicinanze all’epicentro. Queste onde sono anche chiamate longitudinali o compressionali: ovvero si propagano parallelamente alla direzione in cui oscilla il campione di roccia attraversato, che viene compresso e dilatato come una fisarmonica. Un’altra caratteristica è ce sono onde che si propagano sia attraverso materiali solidi e sia attraverso i fluidi. Sono anche responsabili del caratteristico boato sismico che viene avvertito nei pressi dell’epicentro. Ciò avviene quando le onde sismiche entrano in contatto con l’atmosfera producendo onde acustiche.

onde

  • Le Onde S (o Secondarie) viaggiano più lentamente delle onde P (mediamente 4.15 km/s) di conseguenza sono anche quelle che vengono avvertite più tardi. Queste onde sono anche chiamate di taglio o trasversali: ovvero si muovono perpendicolarmente alla direzione in cui oscilla il campione di roccia attraversato, con un effetto molto simile alle ole che i tifosi creano negli stadi. A differenza di quelle primarie,  le onde S non si propagano attraversi i fluidi, il che rende possibile soprattutto nelle zone vulcaniche, la creazione di una “mappa” del magma sotterraneo dopo lo studio sulle differenze di propagazione delle onde P e delle onde S.
    onde

Quando le onde P ed S (dette entrambe di volume) raggiungono la superficie terrestre, ne entrano in gioco altre due, le più lente (mediamente 3 km/s) ma allo stesso tempo le più distruttive: le onde superficiali.

  • Le Onde di Rayleigh si muovono secondo un moto retogrado: oscillano perpendicolarmente al terreno, come le onde marine, dando una sensazione di tornare indietro.

onde

  • Le Onde di Love fanno vibrare il terreno orizzontalmente. Il movimento dei materiali attraversati da queste onde è trasversale e orizzontale rispetto alla direzione in cui oscilla il campione di roccia attraversato.

onde

Le onde superficiali (di Love e di Rayleigh) possono inoltre percorrere lunghe distanze fino a fare più volte il giro della Terra in caso di forti sismi.

La velocità di propagazione cambia in ogni caso in base al materiale attraversato: terreni rigidi e compatti come quelli composti da rocce, vengono attraversati dalle onde con velocità più alte e minor ampiezza. Al contrario terreni poco compatti come terreni alluvionati, tufi e frane, vengono attraversati dalle onde con velocità molto ridotte e oscillazioni più amplificate e prolungate. Sui terreni poco compatti infatti, si ha il maggior rischio di danni gravi a seguito di forti terremoti.

Tutto ciò è chiamato “amplificazione sismica”.


Fonti:

INGV – Le onde sismiche.

GMPE – Le onde sismiche.

INTRAGEO – Le onde sismiche.

Minerva – I fenomeni di amplificazione sismica.

2 pensieri su “Quante e quali sono le onde sismiche di un terremoto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...